Monthly Archives: marzo 2014

Palline al cocco black & white


ancora con un occhio chiuso e uno aperto..
..miro la sveglia…ore 7.09 del mattino..
…non ho voglia di alzarmi..
..entro in studio alle 9.00…c’è ancora tempo..
…se non fosse per quell’appuntamentino che mi ero autofissata la sera precedente..
..di fare un dolce per il giovedi sera (da portare da amici)…
..cosi faccio 2+2 in testa..
..emozione per le prove che posso fare con la reflex..
..fuori c’è il sole…
..devo fare un dolce..
mi sembrano tutti ottimi motivi per alzarmi dal letto..
..cosi prendo una ciotola, peso gli ingredienti..
mescolo tutto, manipolo con le mani..
..ecco qui cosa è venuto fuori..
una delizia per il palato..
..di una semplicità disarmante (e forse anche un po banale)..
..ma che mi ha fatto fare una bellissima figura..
Ingredienti:
per le palline bianche:
100 gr di ricotta (quale preferite);
100 gr di farina di cocco;
50 gr di zucchero.
per le palline nere:
100 gr di ricotta;
80 gr di farina di cocco;
20 gr di cacao;
50 gr di zucchero.
Procedimento (di un difficileee :D)
Mescolare tutti gli ingredienti facendoli amalgamare bene, poi procedere a realizzare le palline e a passarle sulla farina di cocco.
Litigare poi alle 8 del mattino con la reflex 
e con i raggi del sole troppo bassi, 
unitamente allo spaccare le balle alle amiche bloggers (sante subito) 
che non ti mandano a quel paese nonostante l’orario in cui le importuni per consulti tecnologici!! 
Grazie dolce Vaty <3
In ultimo scapicollarsi per arrivare comunque in ritardo in studio :DDD #cosedabloggalline


Brownies goduriosissimi dell’Araba


Festa della donna…
festa delle donne…
non mi dilungherò oltre dato che ho fatto già al riguardo un post perfetto con “UnLampoNelCuore”..
aggiungo solo che adoro festeggiarla…ma non amo quelle che considerano questa festa come l’occasione buona per trasgredire, per trasformarsi, per uscire dagli schemi della vita quotidiana e diventare…..oscene!! Si oscene è l’unica parola che mi viene per descrivere le assatanate che sbavano davanti a un ballerino mezzo nudo ed unto sbisunto (sembra la lucidatura delle macchine) che ondeggia al ritmo di musica!
NO..non mi riconosco in quel genere di donna!
E per boicottare questo modo di festeggiare una festa tanto nobile e che mette in primo piano noi donne, ho scelto di trascorrerla tra amici! In particolare 3 coppie..perchè non mi sento da nessuna parte cosi tanto donna come quando sto con il mio uomo :)))!!
Per l’occasione abbiamo realizzato una cena afro-messicana (zighini’ africano e il resto messicano). Io ero l’addetta alle tortillias e al dolce!
Cosi, ho scelto insieme al mio Lui il brownies, tipicamente americano..giusto per rimanere in tema di cibi d’oltreoceano!!
LA ricetta viene dritta dritta dal blog della mitica Stefania, meglio nota come l’Arabafelice :)! Lei è una garanzia di rapidità e di risultati ottimi! ed è davvero slurpissimo!!!
Provare per credere!!

Ingredienti:

FLOURLESS CHOCOLATE BROWNIES
da Nigella Express
per una teglia quadrata da 24cm di lato
225g di cioccolato fondente
225g di burro
2 cucchiaini di estratto di vaniglia
190g di zucchero semolato
3 uova grandi
150g di farina di mandorle
100 g di noci grossolanamente tritate
70 gr di mandorle (giusto per alleggerirlo ahahahah)!
per la salsa al cioccolato (omessa. Ho accompagnato con sola panna fresca giusto per rinfrescare un po la bocca)
75 g di cioccolato fondente
125 ml di panna fresca liquida
2 cucchiaini di caffè solubile
2 cucchiai di acqua
un cucchiaio di golden syrup, oppure miele, oppure sciroppo d’acero

Sciogliere su fuoco bassissimo cioccolato e burro.
Togliere dal fuoco, unire lo zucchero e la vaniglia e far riposare cinque minuti.
Unire quindi le 3 uova battendo tutto con le fruste elettrice, quindi
unire con una spatola la farina di mandorle e le noci tritate.
Versare nello stampo coperto con carta forno e cuocere in forno preriscaldato a 170 gradi per circa 25-30 minuti (io ho prolungato la cottura perchè mi era rimasto molto liquido anche dopo 40 minuti di cottura. Si è poi rappreso in frigo pur rimanendo molto malleabile come si vede anche in foto..però era goduriosissimo).
Il dolce dovrà essere solido, ma non troppo duro.
Far raffreddare completamente prima di tagliare a quadrotti.
Per la salsa,  versare acqua e caffè in un pentolino. Far sciogliere quindi unire il cioccolato spezzettato e tutti gli altri ingredienti.
Far sciogliere tutto a fuoco bassissimo quindi servire calda con i brownies.

NOTE

– il dolce è ancora più buono il giorno dopo, quindi resistete a tagliarlo. Avrà anche una consistenza migliore.

– è buonissimo anche freddo di frigo.

si conserva perfettamente anche per una settimana, senza perdere morbidezza.

– non stracuoceteli, il segreto di un buon brownie è la consistenza. 

p.s.: sto cercando di imparare ad usare la reflex..sono alle prime armi e si vede..però quanto mi divertooo :D!


Mousse ai tre cioccolati e lamponi per “UnLampoNelCuore”

Con questa iniziativa, i food blogger che aderiscono a
“unlamponelcuore” intendono far conoscere il progetto “lamponi di pace”
ella Cooperativa Agricola Insieme (http://coop-insieme.com/),nata
nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di
Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel
quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro
figli maschi. Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre
devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei
campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema
di microeconomia basato sul recupero dell’antica coltura dei lamponi e
sull’organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di
ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull’aiuto reciproco,
sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti. A distanza di oltre
dieci anni dall’inaugurazione del progetto, il sogno di questa
cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita
autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola “ritorno”
nella scelta del “restare”.

Si possono trovare i prodotti della Cooperativa Agricola
Insieme:
 – sono distribuiti da Coop-Adriatica e NordEst quindi si
trovano più facilmente nel Veneto, Friuli Venezia Giulia, parte
dell’Emilia e della Lombardia al confinte.

sono distribuiti anche da Altromercato e dal commercio equosolidale e
dal loro sito (altromercato.it) è possibile, tramite anche una richiesta
via email, ottenere i punti vendita;
– nel milanese vengono distribuito da MioBio (http://www.mio-bio.it/), un gas molto attivo;

Rada Zarcovick, la responsabile della cooperativa, sta prendendo
accordi con le Coop che si occupano dei punti vendita della Lombardia e
della Toscana per poter distribuire anche in queste zone i loro
prodotti.
– per quanto riguarda Coop Adriatica le confetture dei frutti della pace è in assortimento solo nel canale iper:

ADRIATICA BOLOGNA IPER BORGO

ADRIATICA BOLOGNA NOVA

ADRIATICA BOLOGNA LAME

ADRIATICA VENETO SAN DONA’

ADRIATICA VENETO SCHIO

ADRIATICA VENETO CONEGLIANO

ADRIATICA VENETO VIGONZA

ADRIATICA ROMAGNA IMOLA

ADRIATICA ROMAGNA RIMINI

ADRIATICA ROMAGNA LUGO

ADRIATICA ROMAGNA FAENZA

ADRIATICA ROMAGNA RAVENNA

ADRIATICA MARCHE PESARO

ADRIATICA MARCHE CESANO

ADRIATICA ABRUZZO SAN BENEDETTO

ADRIATICA ABRUZZO CHIETI
            ADRIATICA ABRUZZO ASCOLI

*  *  *

Come avrete capito si tratta di una bellissima iniziativa a cui noi foodbloggers abbiamo aderito numerose. 
Nonostante la mia lunga assenza e nonostante il pochissimo tempo a mia disposizione, ho voluto partecipare per dare un segnale molto forte ad un tema cosi importante.
L’aver scelto il giorno della festa della donna per lanciare questa iniziativa non è casuale: il progetto nasce proprio per tutelare le donne di Brutanac, per aiutarle e ricondurle alla normalità cercando, per quanto possibile, di lasciarsi quel terribile passato alle spalle.
Credo molto nella forza delle donne di sapersi rimettere inpiedi dopo la tempesta…
…ad ognuna di queste coraggiose donne, va la mia vicinanza..
e a questa cooperativa la mia gratitudine 
per essere riuscita a trovare un modo concreto per  aiutare queste eroine!!

E con questo progetto e il sorriso nel cuore auguro buona festa delle donne a tutte!!!

*  *  *

Ingredienti per 3 vasetti di mousse:

1 confezione di lamponi freschi
100 gr di cioccolato fondente di ottima qualità;
100 gr di cioccolato al latte di ottima qualità;
100 gr di cioccolato bianco di ottima qualità;ù
300 ml di latte;
3 fogli di colla di pesce da 2 gr l’uno;
1 gr di agar agar (ma se non l’avete va benissimo anche 1 foglio di colla di pesce);
1 confezione di panna fresca da 250 ml;
20 gr di zucchero
Procedimento:
Ponete un foglio di colla di pesce ad ammorbidirsi in un bicchiere d’acqua fredda.
Sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria spezzettandolo grossolanamente cosi da facilitarne lo scioglimento. Una volta fuso fatelo raffreddare. 
Nel mentre montate la panna fresca e dividetela in 3 parti uguali. 
Su un pentolino fate scaldare 100 ml di latte senza farlo bollire. Spegnete e aggiungete la colla di pesce ammorbidita. Una volta freddo aggiungete il latte al cioccolato fuso, un po alla volta e amalgamate con una spatola. Aggiungete infine la porzione di panna montata e amalgamate senza far smontare la panna.
Porre la crema cosi ottenuta (che avrà una consistenza molto fluida) nei bicchierini che avete scelto per la realizzazione del dolce e ponete in frigo a rapprendere (io surgelatore perchè andavo di frettissima).
Ripetete l’operazione sia per il cioccolato al latte che per quello bianco facendo attenzione a non far surriscaldare troppo il cioccolato (per evitare io ho fatto andare a bagno maria per qualche minuto, poi ho spento il fuoco e lasciato fondere con il vapore che l’acqua calda produceva).
Non aggiungete la mousse al cioccolato al latte su quella fondente finchè quest’ultima non si sarà tirata, pena l’impossibilità di vedere i 3 strati netti di cioccolato.
Frullate i lamponi (tranne una manciata per la decorazione finale) nel mixer insieme allo zucchero. Passate il tutto in un colino per dividere il succo dai semini e riporlo in un pentolino insieme ad un goccio d’acqua e l’agar agar (l’acqua non l’ho pesata, sono andata ad occhio..dovete ottenere una consistenza fluida). Fate bollire appena il composto, spegnete e lasciate raffreddare.
Aggiungere la salsa ai lamponi nel bicchierino e fate rapprendere. Decorate in finale con i lamponi freschi.

 *  *  *
Siamo come diamanti… uniche e preziose…. il dono più bello che
avessimo potuto ricevere è quello di essere ciò che siamo … DONNE! Chi
dice donne dice danno … ed è vero perchè danno la vita, danno la
speranza, danno il coraggio, danno conforto, danno se stesse per amore..
” 

Sara