Monthly Archives: marzo 2015

Torta al mascarpone e caffè con base croccante

Vi avevo lasciato con un post molto malinconico…frutto di un turbinio emotivo che mi ha letteralemente travolta nelle ultime settimane….
I cambiamenti sono croci e delizie per me…che li cerco ma che poi li temo….
E cambiamenti ce ne sono stati nella mia vita professionale..da lunedi infatti sono impiegata statale :D!!
Ma le novità non sono finite…eh no perchè domani si festeggia anche un altro grande avvenimento: la messa in onda del nuovo portale web IFOOD...un portale “dove i blogger ci mettono la faccia, si sporcano le mani, il grembiule e le idee” …
Gli ingredienti di questo portale sono la passione per la cucina, l’amicizia che lega noi blogger e la voglia di crederci di una società importantissima..la NetAddiction che ha realizzato il miracolo, avverando quello che fino a poco fa era solo un sogno!
Di questo immenso progetto sento di dover ringraziare tutte le admin del gruppo bloggalline, che si sono fatte il mazzo per riuscire ad andare in onda e per far si che tutto ciò diventasse realtà, in modo particolare Vatinee che è stata la prima ad essere stata notata dalla società e che ha voluto condividere questa opportunità con tutte noi!! Ma un grazie profondo lo dedico alle bloggalline tutte…con tutto quell’entusiasmo, si sprigiona un’energia positiva..quella che ci fa dire che il nostro motto è #solocosebelle !!
Io sono troppo orgogliosa di fare parte di questa squadra…un’emozione unica!
Vi aspetto sul portale www.ifood.it

Nell’attesa che anche il mio blog cambi d’abito e salga a bordo del portale, vi offro un pezzo di questa torta…che ne dite?
L’idea di questa torta mi è venuta vedendo questo spettacolo di Ale, da cui ho preso la ricetta per la base..il resto è frutto della mia voglia di un dolce cremoso…venite a vedere…

Ingredienti per una tortiera a cerniera da 22:
per la base (ricetta di Ale con le mie modifiche)
220 g di biscotti al cacao ridotti in polvere;
100 g di nocciole pelate tritate finissime (io nn le avevo e ho messo pari peso di corn flakes);
100 g di farina 00;
1 uovo medio;
olio di semi (io di riso, ma ne ho dovuto mettere un po perchè altrimenti non mi si legava nulla).

per la crema inglese
– 250 gr di panna fresca;
– 113 gr di latte intero fresco;
– 83 gr di tuorli;
– 50 gr di zucchero semolato;
– 1/2 cucchiaino di semi di vaniglia (o il contenuto di una bacca di vaniglia)
– 2 gr di agar agar (o colla di pesce)

per il cremoso al caffè
-1/2 dose di crema inglese;
– 5/6 cucchiaini di caffè solubile;

per il cremoso al mascarpone
-1/2 dose di crema inglese;
-250 gr di mascarpone

per il disco di cioccolato fondente
-100 gr di cioccolato fondente al 70%

Procedimento:

partiamo dalla base tritando i biscotti e i corn flakes, aggiungete quindi la farina e l’uovo, e l’uomo di semi, un po per volta, finchè non si compatterà il tutto (anche se non ben compattato non preoccupatevi perchè con la cottura, l’uovo farà da collante). 
Avvolgete quindi la palla nella pellicola e riponete in frigo per mezz’ora.
Trascorso il tempo ponete l’impasto nello stampo e aiutandovi con un cucchiaio fate la base e i bordi, schiacciando bene per compattare.
Cuocete il tutto in forno caldo a 180° per circa 15 minuti, quindi fate raffreddare e poi sformate. Questo sarà il “contenitore” del vostro dolce.
Ora prepariamo il disco di cioccolato, facendo sciogliere il cioccolato a bagno maria. Mentre lo farete raffreddare, disegnate su un foglio di carta forno la sagoma di uno stampo da 20 e iniziatelo a disegnare con il cioccolato in uno strato piuttosto spesso. Fate quindi raffreddare il tutto in frigo.
Per la crema inglese
Fate bollire il latte con la panna. Nel mentre montate i tuorli con lo zucchero e i semini di vaniglia. Quando il latte ha fatto la patina, buttate i tuorli montati e lasciate sul fuoco senza toccare finchè dei piccoli vulcani di latte bucheranno la montata di uova. A questo punto girate il tutto con una frusta e aggiungete l’agar agar (o la colla di pesce). Mescolate bene.

Per il cremoso al caffé



Prendete metà dose della crema inglese e aggiungete il caffè solubile. Fatelo finché la crema è ben calda cosi si scioglierà meglio il caffè. A questo punto ponete in frigo a raffreddare. Una volta raffreddato assemblatelo con la torta. 
Per il cremoso al mascarpone
Prendete la restante metà della crema inglese, che dovrà ormai essere fredda. Aggiungete il mascarpone e giratela con la frusta. 
Completate l’assemblaggio aggiungendo il disco di cioccolato che ormai si sarà tirato, e infine il cremoso al mascarpone, decorando a vostro piacimento (nel mio caso ho fatto i ciuffetti di mascarpone ma potete fare come gradite).
Completate con una spolverata di cacao.


Danubio con una briciola di lievito – sospesa tra passato e futuro

Sospesa. Cosi mi sento ora. Sospesa tra ciò che è stato e ciò che sarà. In un presente preludio di novità e nostalgico del passato. Presente che conservo come fossero le ultime boccate d’ossigeno prima di andare in apnea, immersa in un mondo nuovo..completamente sconosciuto. Un pesce fuor d’acqua.

Ora che mi è concesso respirare, lo faccio a fondo. Penso e ripenso. Non mi fermo. Viaggio con la mente. Torno indietro ai ricordi più cari, ai momenti più duri, ai pianti più disperati.
Rivivo il mio primo giorno di lavoro. Ricordo. Osservo con occhi nuovi ciò che è stato. Poi penso al futuro. Lo immagino e mi spavento. Quindi mi fermo. Il futuro mi attende, mi tende la mano e io resisto. Tergiverso. Mi cullo di certezze che fino a ieri erano prigione.

In questa terra di mezzo tra il prima e il dopo isso la mia bandiera. Per arrivare fin qui ho sudato tanto, lottato tanto, sconfitto mostri. E ora che ci sono, vacillo. Desisto. Faccio incetta di energie. Conservo lezioni di vita. Lascio un pezzettino del mio cuore in quella scrivania che è stato il mio primo nido, dove sono spuntate quelle “piume” chiamate insegnamenti.

Il momento di spiccare il volo è arrivato. Mi asciugo le lacrime e riprendo il cammino verso nuovi orizzonti, portando con me sorrisi ed abbracci, esperienze, emozioni e la grinta che è da sempre il mio cavallo di battaglia nella vita.

E mentre scrivo mi accorgo che il domani è già divenuto oggi, che la nuova avventura è già iniziata in questo limbo tra ieri e domani. Si chiama presente e ha il sapore forte della vita!!

Anche questo Danubio faceva parte del buffet per il compleanno del nipotino. La ricetta è quella di Tery di Peperoni e Patate ma l’ho riadattata ai miei tempi, prolungando la lievitazione (e ovviamente abbassando il lievito) e aumentando le quantità di liquidi (che a mio avviso erano davvero pochi nella ricetta originale).

Ingredienti:
Per l’impasto
2 gr di lievito di birra;
500 gr di farina (300 manitoba, 300 farina 00);
300 – 350 ml di latte ( a seconda dell’assorbimento della farina);
3 tuorli e 1 uovo intero;
1 cucchiaino di miele;
130 gr di burro;
20 gr di zucchero;
10 gr di sale.

Per il ripieno
200 gr di provolone dolce;
200 gr di prosciutto cotto in cubetti.

Procedimento:
Sciogliete il lievito nel latte tiepido insieme al cucchiaino di miele. Una volta sciolto aggiungete la farina e iniziate ad impastare. Unite l’uovo intero e due tuorli (il terzo tenetelo da parte), lo zucchero ed impastate fino ad assorbimento. 
A questo punto aggiungete l’ultmo tuorlo rimasto con il sale e fate assimilare completamente all’impasto.
Quando le uova saranno completamente amalgamate unite il burro un po per volta, Non aggiungete nuovi pezzi finchè quelli precedentemente inseriti non saranno stati assorbiti dall’impasto.
Continuate ad impastare fino a che l’impasto non si sia incordato (cioè deve diventare lucido, elastico e pulire la ciotola).
Per verificare se siete giunti ad incordatura potete fare la prova del velo: prelevate un pezzetto di impasto, allargatelo con le dita come a volerlo stendere fino a vederne la trasprarenza. Se non si rompe in questa operazione vuol dire che l’impasto è incordato. Viceversa dovrete continuare ad impastare fino a che la prova velo non sarà superata.
Quando l’impasto sarà incordato mettete a lievitare in una ciotola fino al raddoppio (ci vorranno 8-10 ore. Per questo ho impastato di sera e lasciato lievitare tutta la notte).
Trascorso il tempo necessario sgonfiate l’impasto e formate un salsicciotto (come quando fate gli gnocchi ma più grande).
Da questo ricavatene tanti pezzetti da circa 30 grammi l’uno…schiacciateli e formate dei dischi dove aggiungerete la farcitura e richiuderete a palla. 
Nel sigillare cercate di stendere la superficie della pasta in modo da non formare grinze e avere un effetto liscio.
Formate tutte le palline, e disponetele su due teglie diam. 21 (o una più grande) coperte da carta forno posizionandole molto vicine l’un l’altra ma non attaccate (per lasciare spazio alla lievitazione). 
Coprite le teglie con pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio.
Spennellate con del latte o del tuorlo sbattuto (stavolta ho fatto con tuorlo ma preferisco di gran lunga il latte) e infine cuocete in forno caldo a 220° per 15 minuti.
Per il procedimento a mano andate da Tery.